Giacomo Lauri Volpi - tenore


Accedi a cronache
Accedi a cronache
Accedi a Immagini
Accedi a Immagini
Accedi a cronache
Accedi a cronache

Lanuvio (Roma) l’11 dicembre 1892

Morto a Burjasot, Valencia il 17 marzo 1979

 

Alcune fonti indicano erroneamente Giacomo Lauri Volpi come figlio di un fornaio, in realtà Enrico Volpi era invece un piccolo proprietario terriero e commerciante (all'ingrosso) di vini.

Fu un fratello di Lauri Volpi ad aprire un negozio di derrate alimentari, forse da ciò è uscita la notizia del padre fornaio. Tra l'altro, fu proprio a causa di questo esercizio che Enrico Volpi morì: i dazieri di Lanuvio accusarono, ingiustamente, il figlio del mancato pagamento del dazio su alcune derrate. Era previsto l'arresto (il cosiddetto carcere preventivo, in attesa che fosse provata l'innocenza dell'accusato) e il padre si offrì di andare in prigione nel carcere mandamentale di Genzano al posto del figlio (il che lascia presumere che il padre fosse comproprietario dell'esercizio).

Il figlio Giacomo, allora di otto anni, ottenne il permesso di andare a dormire col padre in carcere e percorreva a piedi tutti i giorni il tratto Lanuvio-Genzano.  Per il padre, lo stress emotivo di vedersi ingiustamente imprigionato fu così penoso che, fu colpito da un ictus fatale quando era ancora in carcere, mentre era già stato firmato il provvedimento di Grazia Sovrana e quindi annunziata l'assoluzione, essendosi riconosciuta l'infondatezza dell'accusa.

 

Alla morte del padre seguirono contrasti e contese tra i fratelli per motivi d'interesse. Lo zio che accolse Giacomo ad Ariccia era Augusto Tomasi, primo amministratore del principe Chigi, e uomo facoltoso. 

Allora nelle città di provincia l'unico modo per continuare gli studi dopo le elementari era di entrare in seminario, per poi uscirne a studi finiti. Giacomo Volpi, benché religiosissimo, sentiva di non avere la minima attitudine al sacerdozio. 

Frequentò quindi il ginnasio presso il seminario di Albano Laziale (e fu proprio qui che emerse la sua vocazione al canto: come membro del coro, la sua voce, nel "Va' pensiero" sovrastava tutte le altre nella frase "arpa d'or de' fatidici vati" tanto che l'organista interruppe l'accompagnamento e da parte di molti gli fu consigliato di studiare canto).

 

Le prime due classi del liceo Giacomo le frequentò presso il Collegio Leonino di Anagni (quivi l'insegnamento del latino e del greco era impartito da gesuiti di straordinaria bravura: tanto che Giacomo rimase per tutta la vita un eccellente latinista). 

Dal Collegio Leonino ( e quindi dal seminario) uscì dopo aver frequentato il secondo liceo classico. L'ultimo anno lo frequentò ad Alatri, cittadina, dove conseguì la maturità classica; quindi s’iscrisse alla facoltà di giurisprudenza dell'università di Roma (dove conseguirà la laurea) e, contemporaneamente, all'Accademia di Santa Cecilia, facendo lo studente pendolare ogni giorno tra Lanuvio e Roma.

Fu durante il periodo universitario che Giacomo Volpi (aggiungerà “il” Lauri in seguito per distinguersi da altri due tenori che portavano lo stesso suo nome) iniziò lo studio del canto con il grande e ormai anziano baritono e didatta Antonio Cotogni.

 

Nel 1915 Giacomo fu chiamato alle armi, e prese parte alla Prima Guerra Mondiale. Ritorna nel 1918, ma il vecchio maestro Cotogni è da poco scomparso, decide di riprendere gli studi all'Accademia di Santa Cecilia, questa volta sotto la guida di A. Rosati.

 

Dopo aver fatto esperienza con alcuni concerti e audizioni, debutta per la prima volta in un’opera il 2 settembre 1919 a Viterbo, Teatro dell’Unione con il nome d’arte Giacomo Rubini in I Puritani di Vincenzo Bellini e in seguito in Rigoletto.

Il 3 gennaio del 1920 si presenta come Giacomo Lauri Volpi, al Teatro Costanzi di Roma in Manon di Jules Massenet a fianco di Rosina Storchio e con la direzione di Gabriele Santini (ricordiamo che “Giacomo Lauri Volpi” non fu un nome d’arte, giacché, la variazione del cognome venne da lui richiesta e in seguito ratificata con un Regio Decreto, che trasformò ufficialmente il cognome Volpi in Lauri Volpi).

 

Tra giugno a settembre del 1920, si trasferisce in Sud America, dove avrà l’occasione di esibirsi in Brasile, Rio de Janeiro e San Paolo (Manon, Rigoletto, Barbiere di Siviglia, Isabella Orsini di R. Brogi), e in Argentina a Buenos Aires, Teatro Coliseo (Rigoletto, Manon e Barbiere di Siviglia).

Al suo rientro in Italia lo troviamo tra l’altro a Trieste (Teatro Rossetti) in Manon e poi in Rigoletto a fianco del mitico Mattia Battistini.

 

Nel febbraio del 1921 inizia una tournée in terra spagnola che durerà fino al mese di giugno toccando le città di Madrid, Valencia, Saragozza, Gijon, Oviedo, Aviles, ritornandovi poi in autunno aggiungendo le città di Villadoid, San Sebastiano, Santander, Bilbao, Pamplona, Logroso. Chiuderà il 1921 con I Puritani al Teatro Malibran di Venezia a fianco di Mercedes Capsir.

 

Il 14 gennaio del 1922 debutta al Teatro alla Scala di Milano come Duca di Mantova in Rigoletto con protagonista Carlo Galeffi e Toti Dal Monte quale Gilda sotto la direzione di Arturo Toscanini.

Lauri Volpi durante le recite di questo Rigoletto ebbe un diverbio con il maestro, in merito alla tradizionale “cadenza” da tenere nella celebre romanza “La donna è mobile”, ostentata dal maestro, diverbio che, quasi certamente, costerà a Lauri Volpi la partecipazione alla prima assoluta di Turandot (25.4.1926), quando Toscanini, ignorò l’affermazione senza equivoci di Giuseppe Adami (anche se tale affermazione non è da tutti riconosciuta) che, Puccini aveva scritto l’opera pensando alla voce di Lauri Volpi quale Calaf, ciò nonostante, Toscanini gli preferirà il tenore spagnolo Miguel Fleta.

A tal proposito è utile citare ciò che parecchi anni dopo il maestro Antonino Votto (che era al pianoforte durante le prove di quel Rigoletto) ebbe a dire in proposito: “quando Lauri Volpi gli disse che anche Caruso la faceva  (la cadenza della Donna è mobile. (n.d.r.), il Maestro rispose, che Caruso la faceva, ma con un’altra voce e in un altro modo". Allora si manifestò il dissapore, perché dopo le quattro recite d’abbonamento di Rigoletto la parte del Duca di Mantova fu sostenuta da un nostro tenore “utilité”, Alessio De Paolis, il quale fece le altre recite”

Per i successivi sette anni Lauri Volpi non canterà più sotto la guida di Toscanini.

 

Dopo l’esperienza scaligera ritorna in Spagna, ma non perde l’occasione di debuttare a Montecarlo in La Bohème (3 marzo) a fianco del soprano Maria Ros che in seguito diventerà sua moglie. Da maggio, attraversato l’oceano, si presenta nuovamente al pubblico sudamericano che lo tratterrà nei suoi teatri fino alla fine dell’anno.

Il 26 gennaio del 1923 debutta al Teatro Metropolitan di New York in Rigoletto, a fianco di Giuseppe De Luca e Amelita Galli-Curci.

Si tratterrà nel massimo teatro di New York ininterrottamente dal 1923 al 1933, producendosi in 296 recite nelle seguenti opere: Rigoletto, Bohème, Traviata, Tosca, Barbiere di Siviglia, Anima Allegra (di Vittadini), Cavalleria rusticana, Pagliacci, Lucia di Lammermoor, Roi de Lahore, Andrea Chénier, Madama Butterfly, Giovanni Gallurese (di Montemezzi), Aida, Gioconda, Mefistofele, Africana, Gianni Schicchi, Faust, La Vestale, Turandot (in prima assoluta per gli Stati Uniti), Norma, Trovatore, Luisa Miller, Guglielmo Tell, Sonnambula, Manon. Parteciperà inoltre a undici Concerti e Gala. Concluderà il suo rapporto con il Metropolitan il 14 marzo 1933, a Baltimora,  con una recita di Pagliacci al fianco di Lucrezia Bori e Armando Borgioli.

 

Nel giugno del 1924 debutta in concerto a Parigi, vi ritornerà l’anno venturo al Théâtre Gaieté Lyrique con Rigoletto e Tosca in quest’ultima al fianco di Mary Garden. Il 1925 è anche l’anno del debutto al Covent Garden di Londra (Andrea Chénier). Chiuderà l’anno con tre produzioni al Teatro Malibran di Venezia (Tosca, Andrea Chénier e Puritani) e con il debutto in Manon Lescaut di Puccini al Teatro Regio di Torino.

Tra il 1926 e i primi mesi del 1928 lo troviamo impegnato soprattutto al Metropolitan di New York, in Brasile, Cile e Argentina.

 

Il 7 marzo del 1928 canta al Teatro Reale dell’Opera di Roma in Aida con Bianca Scacciati, seguiranno Il TrovatoreTosca con Claudia Muzio e Cavalleria rusticana. Dopo un Rigoletto al Politeama Fiorentino di Firenze (Maggio), e una piccola tournée a Buenos Aires, debutta all'Arena di Verona con Turandot. Nel maggio del 1929 debutta a Berlino Rigoletto con Galeffi e Toti Dal Monte e poi Trovatore. Nello stesso mese debutta anche alla Staatsoper di Vienna (Tosca), ritorna a Parigi (Opéra Comique) con Tosca, Aida, Bohème, Pagliacci. Nel settembre/ottobre canta per la prima volta a San Francisco (Pagliacci, Aida, Faust) e Los Angeles (Aida, Faust, Rigoletto, Trovatore).

 

Nel febbraio del 1930 ritorna alla Scala di Milano con Il Trovatore e debutta in Guglielmo Tell, poi nell'aprile a Roma e a Napoli con Guglielmo Tell.

Dopo aver cantato: Rigoletto e Guglielmo Tell a Parigi, in agosto ritorna al Colón di Buenos Aires.

In questo teatro dal 1922 al 1939 canterà in otto stagioni e quarantuno produzioni:

Stagione 1922: Rigoletto, Tosca, Barbiere di Siviglia, Favorita, Gianni Schicchi, La Bohème, La Traviata  (debutto).

Stagione 1926: Andrea Chénier, Cavalleria rusticana , Turandot (debutto), Tosca, Aida Traviata  (tutte a fianco di Claudia Muzio), Rigoletto, Gioconda .

Stagione 1927: Rigoletto, Norma (debutto), Trovatore (debutto), Andrea Chénier, Wally (debutto) e Bohème (ancora con la Muzio), Lucia di Lammermoor .

Stagione 1928: Aida, Trovatore, Tosca, Carmen, Pagliacci  (debutto).

Stagione 1930: Trovatore, Bohème, Guglielmo Tell.

Stagione 1932: Aida, Tosca, Bohème, Pagliacci .

Stagione 1937: Aida, Tosca, Rigoletto, Trovatore.

Stagione 1939: Tosca, Turandot, Aida.

 

Nel 1939 (che sarà il suo ultimo anno oltre oceano), canta per la prima volta in La Fanciulla del West a Montecarlo; da qui in poi canterà principalmente in Italia e in Spagna.

A Milano debutta in Otello di Verdi al Teatro alla Scala il 14 febbraio del 1942, riprendendolo il mese dopo al San Carlo di Napoli.

Il 13 giugno del 1952 fa il suo debutto nel ruolo di Don Alvaro nella Forza del destino a Montreux in Svizzera, e nel 1955 (ormai sessantaduenne) in quello di Poliuto nell'omonima opera di Donizetti alle Terme di Caracalla a Roma (30 giugno).

Ormai ultrasessantenne canta tra l’altro, ancora a Roma (Fanciulla del West 1957), Venezia (Trovatore 1958), Terme di Caracalla, Roma (Turandot 1958).

 

Il 7 febbraio del 1959 canterà la sua ultima opera al Teatro dell’Opera di Roma: Il Trovatore a fianco di Caterina Mancini e Ugo Savarese.

Da qui fino al 1977, canterà ancora raramente e solo in concerto a Roma, Ariccia, Valencia, Barcellona, Novelda, Madrid.

 

Il 17 marzo del 1979 muore nella sua casa di Burjasot, in Spagna, una delle sue ultime affermazioni fu:

 “Il mio corpo alla Spagna, la mia anima a Dio e il mio cuore a Roma ”.

 

 Ringrazio il Dott. Gian Paolo Nardoianni per avermi fornito il materiale riguardante l'infanzia e l'adolescenza del tenore.

 

 

 

              -------------------------...........................------------------------------

 

REPERTORIO IN ORDINE CRONOLOGICO

  

I PURITANI di Bellini (Viterbo, 2 settembre 1919)

RIGOLETTO di Verdi (Viterbo, 12 settembre 1919)

MANON di Massenet (Roma, 3 gennaio 1920)

GIANNI SCHICCHI di Puccini (Roma, 14 marzo 1920)

IL BARBIERE DI SIVIGLIA di Rossini (Roma, 3 aprile 1920)

ISABELLA ORSINI di Brogi (Rio de Janeiro, 26 luglio 1920 )

LA BOHÈME di Puccini (Madrid, 1 marzo 1921)

TOSCA di Puccini (Madrid, 12 marzo 1921)

FAUST di Gounod (Valladolid, ottobre 1921)

LA FAVORITA di Donizetti (Madrid, febbraio 1922)

MADAMA BUTTERFLY di Puccini (Montecarlo, Marzo 1922) 

LA TRAVIATA di Verdi (Buenos Aires, 26 luglio 1922)

CAVALLERIA RUSTICANA di Mascagni (Rio de Janeiro, 5 ottobre 1922)

DON CASMURRO di Gomes (Rio de Janeiro, 12 ottobre 1922)

ANIMA ALLEGRA di Vittadini (New York, 14 febbraio 1923)

LUCIA DI LAMMERMOOR di Donizetti (Chicago, agosto 1923)

ANDREA CHÉNIER di Giordano (Chicago, agosto 1923)

IL RE DI LAHORE di Massenet (New York, 29 febbraio 1924)

CARMEN di Bizet (Chicago, settembre 1924)

MARTA di Flotow (Chicago, settembre 1924)

L'ELISIR D'AMORE di Donizetti (Chicago, settembre 1924)

FRA DIAVOLO di Auber (Chicago, settembre 1924)

AIDA di Verdi (Chicago, settembre 1924)

GIOVANNI GALLURESE di Montemezzi (New York, 19 febbraio 1925)

LA GIOCONDA di Ponchielli (Atlanta, 20 aprile 1925)

MEFISTOFELE di Boito (Atlanta, 24 aprile 1925)

L'AFRICANA di Meyerbeer (Cleveland, 27 aprile 1925)

MANON LESCAUT di Puccini (Torino, 29 dicembre 1925)

TURANDOT di Puccini (Buenos Aires, 25 giugno 1926)

LA VESTALE di Spontini (New York, 1 novembre 1926)

NORMA di Bellini (Buenos Aires, 25 maggio 1927)

IL TROVATORE di Verdi (Buenos Aires, 10 giugno 1927)

LA WALLY di Catalani (Buenos Aires, 5 luglio 1927)

NERONE di Boito (Roma, 27 febbraio 1928)

I PAGLIACCI di Leoncavallo (Buenos Aires, 26 giugno 1928)

LUISA MILLER di Verdi (New York, 21 dicembre 1929)

GUGLIELMO TELL di Rossini (Milano, 1 marzo 1930)

LA SONNAMBULA di Bellini (New York, 11 febbraio 1933)

GLI UGONOTTI di Meyerbeer (Verona, 29 luglio 1933)

LA CENA DELLE BEFFE di Giordano (Roma, 11 aprile 1934)

UN BALLO IN MASCHERA di Verdi (Firenze, 12 maggio 1935)

WERTHER di Massenet (Parigi, 21 giugno 1935)

LA FANCIULLA DEL WEST di Puccini (Montecarlo, febbraio 1939)

OTELLO di Verdi (Milano, 14 febbraio 1942)

LA FORZA DEL DESTINO di Verdi (Montreux, 13 giugno 1952)

POLIUTO di Donizetti (Roma, 30 giugno 1955)

 

 

Oltre che grande artista fu anche un valente scrittore, lascia alcuni libri e saggi che qui elenchiamo:

 

L'equivoco, Corbaccio, Milano, 1938 - Ristampato da Bongiovanni, Bologna, 1979

A viso aperto, Bongiovanni, Bologna, 1982/83

La prode terra, Corbaccio, Milano 1939

Cristalli viventi, Atlantica, Roma 1948

Voci parallele, Garzanti, Milano, 1955 - Ristampato da Bongiovanni, Bologna, 1977

La voce di Cristo

Parlando a Maria

I misteri della voce umana

Incontri e scontri, Trevi, Roma.

 

 

DISCOGRAFIA

La sua discografia è imponente, comprende  un centinaio di incisioni acustiche ed elettrice, tutte in seguito riversate in LP e in CD, oltre ad acune opere complete:

 

 

Dischi Acustici

Fonotipia Milano 1922

Odeon spagnola Buenos Aires 1922

Nazionale Buenos Aires 1922

Brunswick Records 1923-26

Dischi Elettrici

 Odeon spagnola - Buenos Aires 1928

Parlophon - Buenos Aires 1928

Victor Usa 1928-30

HMV Milano 1934

 

Opere complete

 

LUISA MILLER (G. VERDI)

Rodolfo - Giacomo Lauri-Volpi

Luisa - Lucy Kelston

Federica - Mitì Truccato Pace

Walther - Giacomo Vaghi

Wurm - Duilio Baronti

Miller - Scipio Colombo

Orchestra e coro della Radio Italiana

Dir.: Mario Rossi - 13 febbraio 1951, Roma

Cetra Soria Set 1221 (3 Lps) - Cetra Lps 3221; Lpo 2022

 

IL TROVATORE (G. VERDI)

Manrico - Giacomo Lauri-Volpi

Leonora - Caterina Mancini

Azucena - Miriam Pirazzini

Di Luna - Carlo Tagliabue

Fernando - Alfredo Colella

Orchestra e coro della Radio Italiana

Dir.: Fernando Previtali - 21 maggio 1951, Roma - Cetra Soria Set 1226 (3 Lps) - Cetra Lps 3226; Lpo 2027 - Turnabout/Vox THS 65037/8/9 - GOP/Albany (2CD)

 

LA BOHÉME (G. PUCCINI)

Rodolfo - Giacomo Lauri-Volpi

Mimì - Frances Schimenti

Musetta - Mafalda Micheluzzi

Marcello - Giovanni Ciavola

Colline - Victor Tatozzi

Schaunard - Enzo lima

Orchestra e coro del Teatro dell'Opera di Roma

Dir.: Alberto Paoletti - 12/14 aprile 1952, Roma - Remington Set 199-99 (3 Lps) e Royale 1542-3 - GALA-GL1008O1 (2CD)

 

GLI UGONOTTI (G. MEYERBEER)

Raoul - Giacomo Lauri-Volpi

Margherita - Antonietta Pastore

Valentina - Anna De Cavalieri

Urbano - Jolanda Gardino

Nevers - Giuseppe Taddei

Marcello - Nicola Zaccaria

St. Bris - Giorgio Tozzi

Orchestra e coro della Radio Italiana

Dir.: Tullio Seraf in - 23 ottobre 1955, Milano

Golden Age of Opera EJS-i16 (4 Lps) - Bongiovanni HOC043/45 (3 CD)

 

IL TROVATORE (G. VERDI)

Manrico - Giacomo Lauri-Volpi

Leonora - Maria Callas

Azucena - Cloe Elmo

Conte di Luna - Paolo Silveri

Fernando - Italo Tajo

Orchestra e coro del Teatro San Carlo

Dir.: Tullio Serafin - 27 gennaio 1951, Napoli

FWR 654 (2 Lps) - CETRA Classic Collection CDO (2 CDs) - Melodram MEL 26001 (2 CDs) - Enterprise Documents ENTLV 948 (2 CDs) - Pantheon PHE 6636/37 (2 CDs)

 

LA BOHÉME (G. PUCCINI)

Rodolfo - Giacomo Lauri-Volpi

Mimì - Renata Tebaldi

Musetta - Elda Ribetti

Marcello - Tito Gobbi

Colline - Giulio Neri

Schaunard - Saturno Meletti

Orchestra e coro del Teatro San Carlo

Dir.: Gabriele Santini - 10 gennaio 1951, Napoli

Golden Age of Opera EJS-358 (2 Lps) -  ARPCL 22026 - AMDRL 22811 - Dynamic IDIS

Historical IDI64278 (2 CD)

 

Selezione da LA FANCIULLA DEL WEST (G. PUCCINI) 

Dick Johnson - Giacomo Lauri-Volpi

Minnie - Maria Caniglia

Jack Rance - Raffaele De Falchi

Orchestra e coro del Teatro dell'Opera di Roma

Dir. Oliviero De Fabritiis - 24 gennaio 1952, Roma

Golden Age of Opera EJS-308 (1 Lp) - (1CD)

 

LA FAVORITA (G.Donizetti)

Fernando - Giacomo Lauri Volpi

Leonora - Franca Marghinotti

Alfonso XI - Rolando Panerai

Baldassarre - Jorge Algorta

Concertgebouw Orchestra

Dir. Arturo Basile - Amsterdam ottobre 1954

Ponto POCD1043 (2CD)

 

Sempre da Amsterdam ho notizie anche di una registazione di Trovatore che non avendo al momento trovato sufficenti riscontri, non so se sia stata pubblicata integralmente o come selezione.

 

Nel 1994 la casa discografica TIMACLUB ha messo in commercio un cofanetto con cinque CD che comprende l’intero lascito discografico di Lauri Volpi, escluse le opere complete e le registrazioni dal vivo.

I cinque CD portano la sigla TIMACLUB 15/1-5 (5CD) e comprendono arie e canzoni di: Puccini, Verdi, Massenet, Meyerbeer, Bellini, Boito, Donizetti, Cilea, Cardillo, Tosti, Leoncavallo, Thomas, Rossini, Mascagni, Russo, Capurro, Gomes, De Curtis, Ciociano, Ponchielli, Offenbach, Bizet, Gounod, Bresci, Giordano, Frank, Händel, con orchestre e direttori vari, il tutto per la durata di 344 minuti.

 

Pietro Sandro Beato

 

Home
Home

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Dominique (lunedì, 09 gennaio 2012 11:27)

    Bravo per questo magnifico lavoro di una grande precisione! Grazie mille!

  • #2

    Gerhard Santos (lunedì, 16 luglio 2012 17:29)

    WONDERFUL!!! Thanks for taking the time to explain it in such an easy to understand way. Interesting article, thank you and *GOD BLESS*

  • #3

    u=307472 (lunedì, 06 maggio 2013 12:19)

    I shared this upon Myspace! My pals will really like it!

  • #4

    Francesco (venerdì, 02 ottobre 2015 11:43)

    congratulazioni e grazie a nome di tutti i lettori