Luca Botta - Tenore

Accedi a cronache
Accedi a cronache

 

 

Nato a Amalfi il 16 aprile 1882

Morto a New York il 29 settembre 1917

 

Studia con Guglielmo Vergine il maestro di Enrico Caruso.

Debutta al Teatro Mercadante di Napoli come Turiddu in Cavalleria rusticana.Nel gennaio del 1913 canta al Teatro Sociale di Mantova nella prima assoluta di Rosedda di Luigi Fontana.

 

Appare in molte città italiane tra cui, Taranto, Livorno, Cosenza, Napoli, Messina, Barletta, Villastrada, Terni, Pistoia, Mantova, Piacenza, Carpi, Torino, Verona.

all'estero appare a Tunisi, Malta, Barcellona, Buenos Aires, qui al Teatro Colón nella stagione 1914 ebbe occasione di cantare in Oberon (Hüon); Nabucco (Ismaele) con Carlo Galeffi e Cecilia Gagliardi; L'amore dei tre re (Avito) con Linda Cannetti e Nazzareno De Angelis; Madama Butterfly (Pinkerton) con Lucrezia Bori.


Nel 1913 si presenta per la prima volta negli Stati Uniti, a San Francisco come Mario Cavaradossi in Tosca.


Con il sostegno e l’interessamento del soprano Frances Alda, il 21 novembre del 1914 debutta al Metropolitan di New York quale Rodolfo in La bohème al fianco di Lucrezia Bori. 
Per il Metropolitan canterà anche in Traviata Con Frieda Hempel; 
Cavalleria rusticana con Emmy Destinn Madama Butterfly con Geraldine Farrar, L’Oracolo di Franco Leoni con Lucrezia Bori e Antonio Scotti; Tosca ancora con la Farrar e Scotti, ripresa poi con Claudia Muzio, Iris con Lucrezia Bori e la direzione di Arturo Toscanini, Rigoletto con Pasquale Amato; Nella prima per gli Stati Uniti de Il principe Igor (Vladimir) in lingua italiana;  Thaïs (Nicias) con Geraldine Farrar; L’amore dei tre Re (Avito) con Lucrezia Bori; Boris Godunov (Grigory) con Adamo Didur.

Luca Botta canterà per la Compagnia del Metropolitan dal 21.11.1914 al 29.3.1917 in 79 recite e 14 tra concerti e gala.


Nel 1915 un tumore a una gamba lo costringe a svariati interventi chirurgici. Purtroppo il tumore era troppo sviluppato e nel 1916 deve subire un’operazione alle corde vocali da ritenersi collegata alla malattia.
Malgrado ciò, dopo diciotto giorni ritorna a cantare.

Tuttavia la malattia progredisce inesorabilmente.


Luca Botta riuscirà ugualmente a cantare fino all’estate del 1917 quando il 31 luglio canta per l’ultima volta in Cavalleria rusticana, Turiddu il ruolo del debutto, alla Columbia University di New York. 


Lascia la moglie e i figli praticamente in miseria, tanto era stato speso per la sua inesorabile malattia.

Le sue uniche registrazioni, fatte in Italia, risalgono al 1911/12.

 

Pietro Sandro Beato

 

 

Home
Home

Scrivi commento

Commenti: 0